Tel +39 348 2564748
Via Lussari 18/D
33018 Camporosso di Tarvisio (UD)

La Batteria di Sella Predil

paragrafo_batteria_sella_predil

Abbiamo già detto come B&B a Tarvisio come le testimonianze storiche delle grandi guerre nel tarvisiano non manchino di certo. Essendo il tarvisiano una zona di confine da difendere dalle incursioni esterne, è normale che in esse si trovino numerosi resti di fortificazioni e linee difensive risalenti alle guerre mondiali ma anche precedenti.

In un vecchio post abbiamo parlato del Parco Tematico della Grande Guerra Abschnitt-Saisera e del bunker OPERA 4-UGOVIZZA QUOTA 845. Oggi invece parliamo della Batteria di Sella Predil.

Si tratta di una visita ad una fortificazione raggiungibile attraverso un escursione molto semplice (livello turistico) della durata di circa un’ora, ma avendo cura di indossare delle calzature robuste ed adatte alle escursioni.

Per giungere alla Batteria di Sella Predil a partire dall’abitato di cave del Predil continuare sulla SP76 fino al lago di Cave del Predil. Al bivio girare sulla sinistra verso la Slovenia ed andare avanti per circa 2,5 kilometri non lontano dal confine sloveno.

La batteria di Sella Predil è una fortificazione edificata dal genio militare austro ungarico tra il 1895 ed il 1897. La fortificazione fu costruita in questo punto per controllare la riva orientale del Lago del Predil e di conseguenza gli avamposti meridionali nei pressi del confine italiano vicino alla valle che conduce a Sella Nevea. A fine maggio 1915 i cannoni che erano presenti nella batteria furono trasferiti in una nuovo batteria posta all’interno della montagna. La batteria era originariamente armata con tre cannoni da 120 mm con un gittata di 7 chilometri e due mitragliatrici da 8mm.

La batteria si compone sia di strutture esterne che di strutture interne, parzialmente visitabili come la casamatta degli ufficiali, la cucina ed un’infermeria. Attigui alla batteria anche magazzini ed altre casamatte corazzate.

A differenza di altri forti presenti nel circondario, questa batteria non fu colpita da bombardamenti italiani ed è ancora in ottimo stato.